Maggio 12, 2016

Caffè letterario nella favela

Caffè letterario nella favela

Si chiama “Garagem das letras” (più o meno traducibile come il garage delle lettere) il primo caffè letterario aperto a Rocinha (la favela più grande del Sudamerica, a Rio de Janeiro) dalla onlus “Il sorriso dei miei bimbi”, fondata da Barbara Olivi.

Il primo ingresso è stato casuali, ma qualche testo poco impegnativo, con molte figure ed argomenti stuzzicanti, ha stimolato la curiosità del ragazzo che ha voluto portare altri amici.
Sono tutti giovani dediti allo spaccio e che impugnano armi ai quali è possibile prospettare, attraverso la cultura, uno stile di vita diverso da quello a cui sembrano condannati.
L’associazione, però, ha anche altri obiettivi, che il caffè letterario può veicolare: conoscenza e pratica delle arti figurative e della musica, apprendimento di mestieri come il gelataio o il cuoco o il barista, l’utilizzo di internet.

Inoltre l’onlus segue bambini della scuola materna da supporto didattico a chi va a scuola e tiene corsi di alfabetizzazione per adulti

news # , ,
Share: / / /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *