Molti di voi hanno storie da raccontare. Storie della propria vita, esperienze di viaggio o di lavoro, incontri significativi, ricordi… Sarebbe bello che tanta esperienza non venisse dispersa… ci avete mai pensato?

Altri, sia nella vita professionale che personale, hanno raccolto saperi che potrebbero tornare molto utili a chi a quella professione o a una particolare fase della vita sta affacciandosi. Non vi piacerebbe condividere con loro conoscenze ed abilità?

Qualcuno ha scritto una tesi interessante, ma in uno stile inadatto ad un testo divulgativo. Non è un peccato che tanto lavoro di ricerca e compilazione finisca ad impolverarsi in un archivio universitario?

Se rappresentate un’azienda, considerate quale beneficio potrebbe trarre dal narrare la propria storia, trasmettere i propri valori, coinvolgere gli operatori che la supportano. Ne guadagnerebbe in immagine, fidelizzazione ed affidabilità.

Potreste essere persone che, per qualche disabilità, si trovano in difficoltà a gestire il progetto di scrivere un libro. Ed, invece, avreste molto da insegnarci.

Forse non avete mai preso in considerazione la possibilità di affrontare una vostra pubblicazione o, se lo avete fatto, capite di non avere tempo disponibile o la dimestichezza con lo scrivere che sarebbero necessari.

Per questo è stato “inventato” il ghostwriter: ossia uno scrittore che vi mette a disposizione il suo tempo per raccogliere la vostra testimonianza e la sua competenza per trasformarla in un libro.

Un libro che sarà vostro: l’autore sarete voi e lui rimarrà dietro le quinte.