UN’INCOMPARABILE BELLEZZA

L’originale viaggio artistico di un turista inglese nel Veneto del ‘600

di Luca Frildini

Acquista ora su

Ti piace?

Sinossi

Maggio 1608. Thomas Coryat, deluso dalla propria vita in una Londra in piena fase di sviluppo economico e culturale, decide di partire per un viaggio che mai nessun inglese prima di lui aveva effettuato: un viaggio turistico. Vedere Venezia è il suo sogno e le città del Veneto sono i luoghi in cui erano vissuti alcuni degli amati autori classici. Coryat passerà quindi diversi mesi nei centri urbani della Serenissima, interessandosi, cosa inusuale in anni in cui pochi erano gli intellettuali inglesi appassionati d’arte, a piazze, palazzi, monumenti, statue e dipinti. Ma cosa pensava Coryat davanti allo splendore delle moderne città venete? Su cosa si soffermavano i suoi occhi? Grazie alla serrata ricostruzione del contesto culturale ed artistico dal quale proveniva ed alla minuziosa analisi dell’originale ed erudito diario di viaggio che ci ha lasciato, questo saggio ricostruisce la concezione estetica e la visione artistica di questo turista ante litteram.

All’inizio del Seicento, rispetto agli altri paesi europei l’Inghilterra era attardata nello sviluppo della produzione artistica ed alquanto limitata nell’approfondimento del pensiero estetico. Dopo la cesura dei rapporti con l’Italia conseguente allo scisma di Enrico VIII e lo sporadico interesse delle élite verso l’arte contemporanea durante il regno di Elisabetta I (nonostante la grande attenzione per la cultura rinascimentale italiana), stava però iniziando un’evoluzione in senso più moderno. Proprio in questi anni di apertura verso le novità dell’arte rinascimentale e manierista, nei confronti della quale stavano rivolgendo l’attenzione i primi collezionisti, si inserisce l’originalità di Coryat, che nel suo viaggio fu in grado di guardare con interesse e di apprezzare anche quegli stili praticamente sconosciuti nel suo paese. Inoltre, mai nessun viaggiatore d’oltremanica come lui si era cimentato in modo così ampio e sistematico con la prosa d’arte, né con l’arte, sia classica che moderna, come argomento di resoconto estetico. Certo, talvolta Coryat non ha i termini per indicare un elemento architettonico mai visto o scambia opere rinascimentali per romane, ma il suo gusto sospeso tra l’Inghilterra dei Tudor, ancora tardomedievale nella visione artistica, e la moderna Inghilterra degli Stuart ha contribuito a dare il via al rinnovamento dell’arte inglese. Ed il suo itinerario artistico può essere considerato un preludio di quello che diventerà il Grand Tour.

Biografia

Luca Frildini – Dopo il percorso universitario in Economia e Gestione dei Beni Culturali, Luca Frildini si occupa di progettazione e gestione di progetti in ambito culturale e sociale. Inoltre, collaborando con diverse associazioni, promuove e realizza iniziative volte a divulgare temi legati all’arte, alla storia e al territorio.