Ottobre 12, 2016

Tobia Ravà

Tobia Ravà

Tobia Ravà lavora a Venezia, ha frequentato la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia ed Urbino. Si è laureato in semiologia delle arti all’Università di Bologna. Dipinge dal 1971 ed ha esposto in Italia, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Spagna, Brasile, Argentina, Giappone e Stati Uniti. Nel 1983 è tra i fondatori del gruppo bolognese AlcArte, attivo all’Università di Bologna, con l’intento di coniugare il fare arte all’epistemologia. Dal 1988 si occupa di iconografia ebraica e ha svolto con con altri un lavoro di ricerca e schedatura nell’ambito dell’epigrafia ebraica nel Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Nel 1993 è il promotore del gruppo Triplani, che, partendo dalla semiologia bi-planare, prende il nome dall’ipotesi di un terzo livello di lettura simbolica, accanto a quelli del significato e del significante. Nel 1998 è tra i soci fondatori di Concerto d’Arte Contemporanea, associazione culturale che si propone di riunire artisti con le stesse affinità per riqualificare l’uomo ponendolo in sintonia con l’ambiente e rendere l’arte contemporanea conscia dei suoi rapporti con la storia e la storia dell’arte.
Le opere di Ravà stabiliscono correlazioni inaspettate tra sistemi simbolici diversi: una sorta di traduzione inter-semiotica della parola in immagine. Da principio si è colpiti dall’immagine in sè, dalla fusione dei colori, dall’atmosfera che riescono a creare. Solo avvicinandosi ci si accorge che tutto ciò non è il risultato di sapienti pennellate, ma della ancor più sapiente ripetizione di numeri (con significati cabalistici) che assumono forme, dimensioni e tinte diverse con l’intento di stabilire un rapporto di intimità tra il messaggio divino e una pittura realista.

Per approfondimenti: www.tobiarava.com

news # , ,
Share: / / /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *