la casa editrice gestita da ragazzi diversabili
17/05/21 Formamenti

la casa editrice gestita da ragazzi diversabili

Questi ragazzi hanno chiamato “Usciamo dal bozzolo” la loro iniziativa editoriale dedicata all’infanzia, nata grazie al supporto dell’associazione sociale “La lampada dei desideri”, che opera alla Magliana, e a “11 Radio”, il network ha lo scopo di usare la comunicazione come strumento di integrazione oltre che di aggregazione di persone con disabilità psicofisica.

Il tutto è iniziato con un corso di scrittura collettiva che è sfociato in un audio-libro, dando dimostrazione, così, delle capacità intellettuali dei diversabili.

L’evoluzione naturale di questo progetto è stata la casa editrice, in cui i ragazzi redattori vengono affiancati da professionisti del settore.

 

no responses
Il libro che depura l’acqua
11/05/21 Formamenti

Il libro che depura l’acqua

Parliamo di un libro composto da pagine che sono state opportunamente trattate con nanoparticelle di argento, capaci di eliminare i batteri presenti nell’acqua.

Il testo parla dell’importanza di purificare l’acqua e indica come farlo, utilizzando proprio le pagine del libro.

Il libro è stato pensato sia per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema, sia come strumento utile per quelle popolazioni ove la potabilizzazione dell’acqua è ancora un problema.

E’ opera di Teri Dankovich, ricercatrice presso l’università di Pittsburgh.

Il progetto è stato sperimentato, in collaborazione con le università di Montréal e della Virginia, su dei campioni di acqua contaminata, proveniente da Sudafrica, Ghana e Bangladesh. I risultati hanno confermato che ogni foglio è in grado di purificare oltre 100 litri di acqua, riuscendo ad eliminare il 99% dei batteri, e che un intero libro può depurare la quantità di acqua utilizzata da una persona in 4 anni.

no responses
Cos’è un calligramma?
06/05/21 Formamenti

Cos’è un calligramma?

Il calligramma (detto anche carme figurato) è un componimento poetico che va gustato guardandolo, oltre che leggendolo. In esso, usualmente, l’autore delinea con le lettere un oggetto inerente il tema della poesia. Altre volte, però, l’artista può scegliere che la costruzione grafica non richiami quanto concerne la composizione poetica.

Infatti L’origine del termine deriva dall’unione di “calligrafia” ed “ideogramma”. l’etimo kalòs (in greco: bello) ne evoca, appunto, la bellezza visibile.

La storia del calligramma inizia in tempi molto lontani, infatti i primi esempi noti risalgono al periodo ellenico (IV^-III^ secolo a. C.) e venivano chiamati technopaegnia, mentre per i romani era un carmina figurata. Ma se ne trovano testimonianze anche presso gli indù.

La ripresa significativa di questo stile si è avuta con le avanguardie all’inizio del XX^ secolo: cubismo letterario, creazionismo e ultraismo. Tra i più famosi poeti ad adottare il calligramma in questo periodo figura il francese Guillaume Apollinaire, secondo il quale, esso costituisce il modo più immediato per esprimere un concetto e per far accogliere una visione globale di quanto scritto. Ma molti esempi illustri sono presenti anche nella letteratura spagnola. In Italia ricordiamo il futurista Filippo Tommaso Marinetti.

Oggi viene usato in campo pubblicitario in quanto la fusione tra testo e immagine facilita l’interpretazione da parte del pubblico.

Per approfondimenti consultare:

http://www.contaminazionipositive.it/calligrammi-il-volto-delle-parole

http://calligramdesigners.blogspot.com/

no responses